SALINA – Terra ca nun senti – Cu nesci arrinesci

“Comu jè cavùru chistu soli! All’ummira do’ faro pi chistu disertu ri mari e ri sali è bellu ristari. E u ventu chi arrizza le carni? Beddu stari stinnicchiatu e nun pinzari a nenti. Sinti, sinti u ventu ca tùorci i canni …! A maiu n’commenzano a vulare i lapi. E ronzano, comu ronzano. I puncigano…

IL CIABATTINO

Chino sulla tastiera, a battere come un ciabattino che risuola le scarpe; mastica chiodi tenendoli serrati per la punta fra le labbra, in modo che la testina sia pronta per essere prelevata all’occorrenza; uno alla volta li prende e li incunea nella suola. Un colpo sicuro, poi un altro più forte, uno di seguito all’altro, e…