ANNO DOMINI 1265

Pandolfo dominus in Labro, Manfredi imperante. – Tristi anni, questi! – rimugina Pandolfo, seduto sulla panca, i pugni chiusi alle tempie, i gomiti contro il tavolaccio che poggia sui cavalletti della cucina, uno stanzone desolatamente lungo rispetto alla larghezza. Lo sguardo acuto percorre ogni pietra, accarezzando ogni sbalzo della parete. Al centro del rettangolo troneggia…

E 646 – Il Treno

  Correva silenzioso nella notte. L’emozione prendeva nel salire su un treno così lungo a quattordici anni, quando i viaggi non erano alla portata di tutti e molti non ne  sentivano la necessità. L’espresso per Roma era pronto sul terzo binario alle 24,20, prima che le ore diventassero piccole. Il pantografo s’era sollevato silenziosamente in testa all’E646,…

No-fly zone

Le apparecchiature elettroniche davano ripetuti segni di irrequietezza fino a quel momento. Era iniziato tutto all’alba. Gli operatori, addetti al radar dell’aeroporto Cristoforo Colombo, avvertirono delle interferenze nei loro apparati: intermittenze nel segnale delle radio frequenze. A quel punto ci fu un incremento parossistico. I radar impazzivano, bombardati da campi elettromagnetici d’insolita intensità. RF colpivano la…

Concorso letterario sul memoir: “La tua vita in un libro” —

Molti sognano di vedere pubblicata la storia della propria vita in modo da lasciare una traccia indelebile del loro percorso di maturazione e cambiamento nel corso degli anni. Non sempre però il mondo editoriale riesce ad assorbire tutte le storie dei singoli, anche perché spesso, diciamocelo, non sono ben raccontate o ben tematizzate. Due generi […]…

Bagliori

Una luce intensa s’aprì il varco, un puntino in lontananza sempre più arrogante. Senza rumore, senza soste, avanzava a velocità costante, ingigantendo. Finché il biancore accecante non gli impedì di vedere oltre. Catalizzava l’attenzione. Intorno, un deserto di nulla. Alle spalle, l’impressione di buio perenne. Inizio o fine di qualcosa? Una forza inerziale progrediva avvolgendo…

SVETLAN RADI

Un desiderio improvviso mi assale. Saltare nell’acqua dall’alto del ponte. Volare così; dolcemente planare.  Allargo le braccia, mentre la cappa si stende, prende il vento fra braccia e corpo, come la pelle dello scoiattolo volante che ha visto quand’ero ragazzo nelle foreste del Paese dove sono nato. Plano, col patagio aperto, sul pelo del fiume…

Il coccio

Un coccio di creta, in controluce, era l’unica visione che l’occhio, abbagliato, riusciva a selezionare. All’ombra del ginepro coccolone, lo smalto giallo-ocra del collo dell’orcio risaltava sulla panciuta, ruvida protuberanza di terracotta lasciata grezza. Poggiava di sghembo fra due pietre aguzze che lo sostenevano, ritto in piedi, con l’unico occhio rivolto verso il cielo. Il terreno disseccato al di là…

Fra instabili pietre, fra sassi sguscianti, esili corpi protendono al caldo sole, schiudono diafane corolle, brillano tenui lillà, minute, affamate d’aria salmastra, dita di sterpi arse, vibrano nella brezza leggera, una macchia sul ciglio di ghiaia, [fame di vita.

TERRA DI MEZZO

Una terra di mezzo era quella. Non ero nato lì, ma mi ci ero affezionato. Da piccolo ci andavo in vacanza. Poi, la vita ci porta lontano. La nostalgia di quei posti m’aveva spinto a desiderare di tornarci. Ed ora ero lì; finalmente era a portata di mano. Un senso di spaesamento mi prendeva. Palazzoni…

LA CUCINA

Ognuno ha le sue preferenze! Come il bruco cambia pelle, sigillando la pupa nel bozzolo per concentrarsi nella trasformazione che lo vedrà impegnato a diventare farfalla, così ciascuno si richiude nella stanza più congeniale, marcando i limiti del territorio personale che nessuno dovrà superare senza un ringhio. C’è chi s’intrattiene nella sala da pranzo o…

FILIBUSTA

“Era una notte buia e tempestosa. Pedro Armando de la Sierna, altrimenti detto El Giaguaro, terrore degli spagnoli del Caribe e capo dei Filibustieri delle Antille, scrutava dal castello della nave da corsa l’orizzonte incendiato dai fulmini. A babordo, tra un lampo e l’altro, gli parve di vedere il profilo di un galeone…” Romualdo Zazzera,…

Tlack tlack Trick

Tlack tlack tlack  – tlack –  tlack tlack  –  tlack tlack…trick… Sospese la battitura. Sorpreso, attese. Non si ripeté e andò oltre. La lingua di terra si estendeva dolce e lineare, specchiandosi nel cristallo dell’acqua ma… Trick trick… Restò  con il medio della mano sinistra sospeso sulla lettera r, mentre già l’indice destro si stava…